Coronavirus covid 19 Regione Piemonte aggiornamenti 26 febbraio

Coronavirus: gli aggiornamenti dalla Regione Piemonte

Ascolta

Autore @Gianni Gennaro

Mercoledì 26 febbraio

Ore 21.15. Donazione della comunità cinese. L’assessore alla Sanità ringrazia la comunità cinese di Torino, che ha donato all’Unità di crisi una cospicua fornitura di dispositivi di protezione individuale.

Ore 21. Riaperto il pronto soccorso di Ciriè. Il Pronto soccorso dell’ospedale di Ciriè è stato riaperto dopo che nel pomeriggio aveva sospeso il servizio in attesa del test, poi risultato negativo, effettuato su un paziente ricoverato ieri sera.

Ore 21. Caso degli astigiani in Liguria. Resta da decidere, insieme alla Regione Liguria, ai prefetti di Asti e Torino e al Dipartimento nazionale della Protezione civile, il modo migliore per trattare il caso dei 36 cittadini astigiani ospitati in un albergo di Alassio, dove sono stati rilevati casi positivi al Coronavirus. Quattro di loro sono stati ricoverati in un ospedale ligure perché positivi al test. Per gli altri 32, domani mattina in Prefettura a Torino si discuterà il piano per consentire loro di trascorrere la quarantena in Piemonte.

Ore 21. I casi positivi scendono da tre a uno. I risultati definitivi dell’Istituto superiore di Sanità sui tre casi di positività individuati in Piemonte dall’inizio dell’emergenza hanno confermato la positività solo per il caso del paziente torinese, ricoverato presso l’Amedeo di Savoia, mentre sono stati dichiarati negativi i due coniugi di Cumiana. Lo ha dichiarato oggi l’assessore alla Sanità, facendo il punto sulla situazione della malattia in Piemonte.

Il professore Francesco De Rosa, primario della Struttura complessa di Malattie infettive della Città della salute e dell’ospedale di Asti, ha spiegato che il risultato fa parte di una procedura complessa che vede il laboratorio di alto biocontenimento dell’Istituto Superiore di Sanità come l’unico in grado a livello nazionale di dare la definitiva conferma delle analisi.

L’assessore ha poi precisato come, in attesa della validazione, non si poteva non assumere tutti i provvedimenti previsti per il contenimento del virus e come questa ora sia un’ottima notizia.

Ore 20.30. Domani il punto sull’ordinanza. Il presidente della Regione ha convocato per domani alle 18 i presidenti delle Province, i sindaci dei Comuni capoluogo e i prefetti per un confronto sull’opportunità di sospendere o rimodulare le misure per il contenimento del Coronavirus attualmente vigenti in Piemonte.

Ore 17. Anziani astigiani in quarantena in Liguria. Il presidente della Regione Piemonte è in contatto costante, in queste ore, con il presidente e l’assessore alla Protezione civile della Regione Liguria per seguire la situazione dei 36 anziani piemontesi isolati in quarantena all’interno di un hotel di Alassio. Contatti costanti anche con i sindaci di Alassio e di Asti.

Il presidente ha voluto sincerarsi del loro stato di salute e assicurarsi che venga loro fornito tutto il supporto necessario, dando la disponibilità del Piemonte a farsi carico dei costi affinché sia garantita la migliore assistenza possibile.

Ore 16.10. Laboratori di analisi. A supporto dei due laboratori di analisi sui test del Coronavirus, attivi negli ospedali Amedeo di Savoia e Molinette di Torino, è entrato in funzione quello dell’ospedale di Novara. Da domani, allo stesso scopo è prevista l’attivazione anche del laboratorio dell’ospedale di Cuneo.

Ore 16. Bollettino dei contagi. La situazione rimane invariata: al momento in Piemonte rimangono tre i casi di positività al test sul Coronavirus. Si tratta di due persone ospedalizzate a Torino e una in isolamento domiciliare. Le loro condizioni di salute non destano particolari preoccupazioni.

Ore 16. Boom di accessi al nuovo numero verde. Le chiamate al nuovo numero verde sanitario 800.19.20.20 istituito ieri dalla Regione Piemonte sul “coronavirus covid19” nelle prime ore del servizio, dalle 14 di ieri alle 6 di stamattina, sono state 1850. In parallelo, sono decisamente diminuite le chiamate al tradizionale numero di emergenza 112, passate dalle 13.599 di lunedì alle 8.766 di ieri. Allo stesso modo, sono passate da 2.655 a 534 le chiamate al numero verde generico (non sanitario) della Regione Piemonte 800.333.444 (attivo dalle 8 alle 20) da martedi alle 13 di oggi. Un risultato commentato con soddisfazione dall’assessore regionale alla Sanità, che sottolinea come l’obiettivo fosse appunto quello di alleggerire il numero di emergenza 112.

Ore 15.50. Numero riservato per i sindaci. Su disposizione dell’assessore regionale alla Sanità è stato istituito presso l’Unità di crisi un numero speciale riservato ai sindaci, per offrire un canale di accesso diretto alle informazioni sanitarie di loro utilità.

Ore 10. Aumentano i laboratori per gli esami. Il Piemonte vrà presto cinque laboratori abilitati ad effettuare l’esame del tampone per la ricerca del Coronavirus. Attualmente le strutture in grado di svolgere questo esame sono due, presso gli ospedali Molinette e Amedeo di Savoia a Torino. L’assessore regionale alla Sanità ha annunciato che fra oggi e domani se ne aggiungeremo altri tre, ad Alessandria, Cuneo e Novara.

La Regione, ha detto l’assessore, sta anche organizzando l’acquisto centralizzato delle mascherine, che da una sola farmacia saranno distribuite a tutte le altre del Piemonte.